Garda

Veduta di Garda

Garda è un comune di quasi 4.000 abitanti della provincia di Verona. Dista 32 chilometri dal capoluogo. Rispetto a Verona è in posizione nord ovest. È sulla costa veronese del Lago di Garda, anticamente conosciuto come Benàcus o Benàco. Confina a Sud con Bardolino, a Nord con Torri del Benaco, a Est con Costermano.
Il toponimo Garda è l’evoluzione della voce longobarda warda, ovvero guardia, luogo elevato atto ad osservazioni militari o castelliere di sbarramento, un’evidente allusione alla fortezza eretta contemporaneamente alle prime invasioni barbariche sulla Rocca di Garda, la collina che sovrasta il paese dove vi era la presenza di un castello ed una chiesa dedicata a San Colombano, la zona faceva parte della corte del Monastero di San Colombano del Priorato di Bardolino dipendente dall’Abbazia di San Colombano di Bobbio (PC).Luoghi d’interesse
Garda è ricca di ville e di percorsi nella natura. Il centro abitato è dominato dalla Rocca, fin dai tempi dei Longobardi.

Chiese

* Chiostro della pieve – X secolo

La pieve di Garda è una delle più antiche della zona, perché nel sec. X aveva già un capitolo di canonici facenti vita comune, nonché chierici dislocati a Torri del Benaco e a Bardolino. Nel 1522 venne unita all’Ospedale Maggiore di Brescia. Dedicata a S. Maria, la pieve fu ricostruita dopo il terremoto del 1117 e quindi rimodernata e modificata nel 1824. Il suo campanile fu costruito nel 1571. Dell’antica costruzione medievale della pieve rimangono tracce murate nel campanile e nel chiostro.

* Eremo dei Camaldolesi – XV secolo

* Chiesa di S.Stefano – XVII secolo

La chiesa di S. Stefano è a fianco della strada che attraversa il paese, vicino al torrente della SS. Trinità. Esisteva di certo prima del 1687, data scolpita su una parete esterna. Nel 1877 fu innalzata e restaurata.

* Chiesa di Santa Maria Assunta – XVIII secolo

corno2Ville e palazzi

* Palazzo dei Capitani – XIV secolo
* Palazzo Cesare Fregoso – XVI secolo
* Villa degli Albertini – XVI secolo
* Villa Canossa – XVIII secolo

Cultura

Nel mese di luglio si svolge il “Premio Riviera Laurence Olivier e Vivien Leigh” dedicato ai due grandi attori che soggiornavano negli anni 50′ a San Vigilio, incantevole località facente parte del territorio del comune di Garda.Appuntamenti

* Regata delle Bisse, regata remiera organizzata dalla Lega Bisse del Garda. Tappa del campionato delle bisse, tradizionali imbarcazioni da voga alla veneta, che si tiene tra giugno ed agosto di ogni anno. L’imbarcazione vincitrice del campionato otterrà come trofeo la bandiera del lago;
* Palio dell’Assunta, a ferragosto. In notturna, gara di otto imbarcazioni con voga alla veneta. La diversità dalle altre regate tradizionali del lago di Garda, dove si usa la bissa, in questa si usano otto imbarcazioni in vetroresina fatte per la gara. Sono delle gondole piane fatte secondo la tradizione delle antiche barche dei pescatori. La voga è a quattro, in piedi come da tradizione del paese. In palio c’è la statua della vergine che verrà custodita per un anno dal vincitore che è uno degli otto rioni storici del paese. Da ricordare che ferragosto è festa patronale;
* International Punto Meeting, un incontro ormai storico che raccoglie all’inizio di ogni estate oltre 150 auto e 350 appassionati della mitica berlinetta di casa Fiat. Organizzato dal Punto Racing Club – Club Ufficiale Fiat in collaborazione con il Comune di Garda, dal 2002 raccoglie appassionati da Italia, Austria, Germania, Svizzera, Ungheria e Olanda che animano il Lungo Lago Europa riempiendolo di mille colori.
* Soirée sul Garda, Festival musicale. Si tiene ad AFFI, Luglio e Agosto, musiche di Antonio Vivaldi, con degustazioni di vini del Garda.

Personalità legate a Garda

* Adelaide di Borgogna, imperatrice, regina di Germania e d’Italia
* Cesare Fregoso – Condottiero
* Floreste Malfer – Ittiologo
* Vittorio Monese – Pittore
* Enzo Oppi – Ittiologo
* Mario Pasotti – Studioso

Economia

L’economia si basa essenzialmente sul turismo, quindi su attività commerciali ed alberghiere. Molto elevata la presenza tedesca.

I commenti sono chiusi